epigraphica
Epigraphica

Epigrafia & Antichità > 30 (2012)

L'OFFICINA EPIGRAFICAROMANA
IN RICORDO DI GIANCARLOSUSINI
a cura di ANGELA DONATI e GABRIELLA POMA
Faenza, 2012
Presentazione p.7
Xavier ESPLUGA
II contributo dello Studium bolognese al progresso dell'epigrafia nella seconda metà del Quattrocento
p.9
Antonio SARTORI
Tituli in garanzia
p.37
Mireille COEBIER
Rileggendo le iscrizioni bilingui (votive, onorarie e funerarie): un confronto fra testo greco e testo latino
p.51
Marc MAYER I OLIVÉ
El material lapídeo como elemento identificativo de officinae epigráficas
p.89
Giulia BARATTA
Bottega epigrafica o atelier pittorico? La scrittura negli affreschi romani
p.109
Heikki SOLIN
 Falsi epigrafici
p.139
Mauro REALI
L'«officina dell'epigrafista»: da un apografo di Giovanni Labus
p.153
Silvio PANCIERA
La produzione epigrafica di Roma in età repubblicana. Le officine lapidarie III. I nessi
p.167
Maria Grazia GRANINO CECERE
Officine epigrafiche per un colombario
p.187
Alfredo BUONOPANE
Un'officina, epigrafica e una «minuta» nel laboratorio di un marmorarius a Ostia?
p.201
Marco BUONOCORE
Mireris elegantiam litterarum in titulis parvi oppidi a Roma longius siti. Forme grafiche nell'Abruzzo romano tra fine Repubblica ed inizio Impero
p.207
Maria Gabriella ANGELI BERTINELLI - Eleonora SALOMONE GAGGERO
Luna nell'orizzonte epigrafico
p.231
Francesca CENERINI
Giancarlo Susini e il Supplementum Bononiense ad CIL, XI: l'officina della stele di Ulpia Psyche
p.259
Sara ROSSI
La stele di Ulpia Psyche nella tradizione codicologica
p.269
Valeria RlGHINI
II bollo laterizio mutinense Ad forn(acem) Cat( ) / L(uci) Aemili / Fortis. Ipotesi di interpretazione
p.285
Giovannella CRESCI MARRONE
Officina sì, officina no, officina come
p.297
Maria Silvia BASSIGNANO
L'officina epigrafica patavina: alcune particolarità
p.313
Filippo BOSCOLO
Due nuovi monumenti iscritti da Borgo San Marco di Montagnana (agro atestino)
p.329
Giovanni MENNELLA
II pasticcio del lapicida in un falso epigrafico su Plinio il Vecchio «veronese»
p.349
Gian Luca GREGORI
Peculiarità dell'orizzonte epigrafico bresciano
p.361
Marina VAVASSORI
Dal repertorio figurativo di un'officina comense: la pelta sulle urne funerarie
p.373
Attilio MASTINO - Raimondo ZUCCA
In Sardinia tituli scrìbuntur et imagines sculpuntur
p.393
Géza ALFÖLDY,
Officina lapidaria Tarraconensis
p.429
Ana CAESSA - José D'ENCARNAÇÃO,
Epigrafia de Olisipo 66 anos depois!
p.473
Ingrid WEBER-HlDEN - Ekkehard WEBER
Le officine epigrafiche di Carnuntum alcune note
p.491
Marjeta ŠAŠEL KOS
A glimpse into stonecutters' workshops in Scupi, Upper Moesia
p.507
Livio ZERBINI
Scritture latine nella Dacia romana. Status quaestionis e proposte di ricerca
p.525
Alfredo VALVO
I diplomi militari e la constitutio antoniniana
p.533